english informations

1 - Il mito delle origini

La posizione del Vimercatese a metà strada tra Biassono e Trezzo, siti da cui provengono materiali della cultura golasecchiana, potrebbe giustificare una presenza umana presso il Molgora già nel VI-V secolo a.C.
Diversi nomi di luogo terminanti in –ate e in –ago indicherebbero un successivo legame con popolazioni celtiche, cui sono da riferire le tradizioni di alcuni culti, come quello alle Matrone.
Dalla seconda metà del I secolo a.C. il territorio milanese, e quindi anche il Vimercatese di cui era parte, fu interessato da una suddivisione agraria.
In età imperiale Vimercate divenne centro residenziale, religioso e produttivo di una certa importanza. La vicinanza a Milano, sede della corte imperiale dalla fine del III agli inizi del V secolo d.C., favorì la crescita dell’abitato, come testimonia la costruzione del ponte sul Molgora, e come confermano l’importazione di oggetti di pregio e la presenza di personaggi di alto rango, quali i Domizi, che rivestirono cariche pubbliche nella vicina Milano.