english informations

Parliamo di Percorso

Il cittadino

Must, primo via...

Il museo riceva l'autorizzazione delle Soprintendenze competenti al trasferimento dei beni storico artistici destina all'esposizione nelle sale museali.

tipoRassegna stampa

Identità e memoria

14 - Identità e...

Piccoli e grandi eventi, ricordi personali e ricordi di gruppo si mescolano ai racconti della canzone popolare, ai proverbi e alle filastrocche.
Sono talvolta tracce affidate a uno strumento fragile e imperfetto come la memoria

tipoPagina

Paesaggi contemporanei

13 - Paesaggi...

Grandi immagini raccontano un territorio, reso incorporeo nella sua rappresentazione grafica e multimediale, che si modifica sotto i nostri occhi e si racconta in maniera evocativa.
Vecchie fotografie mostrano luoghi del passato

tipoPagina

Album della famiglia Sottocasa

12 - Album della...

Quando, nel 1863, Luigi Ponti, della famiglia di industriali tessili gallaratese, ed Elisabetta Sottocasa, nobile bergamasca, si sposarono, la villa visse il suo periodo di maggior splendore: furono edificate le scuderie con il maneggio coperto

tipoPagina

Sala Expo

11 - Expo

Tra il 1950 e il 1960 la Brianza si impone come una delle aree più industrializzate d'Italia: nel Vimercatese domina ancora la manifattura tessile, accanto a piccole e medie imprese soprattutto meccaniche.

tipoPagina

Sala di Usellini

10 - Usellini. Il...

Realizzate nel 1960 per le nuove scuole medie di Vimercate, le quattro grandi tele di Gianfilippo Usellini (Milano, 1903 – Arona, 1971) raffigurano
la biblioteca magica, la galleria d'arte, la scienza e il lavoro

tipoPagina

Oratorio dell'Immacolata

9 - L'oratorio...

L'oratorio privato di villa Sottocasa venne ridisegnato nei primi decenni dell'Ottocento in stile neoclassico, con citazioni di gusto eclettico, quali la lunetta con al centro l'occhio divino, e la forma a sarcofago della base dell'altare.

tipoPagina

Sala Luigi Ponti

8 - Luigi Ponti e...

I primi due decenni dell'Unità d'Italia furono estremamente travagliati per l'agricoltura locale, principale attività in assenza di una valida alternativa manifatturiera. La viticoltura fu attaccata dal diffondersi della fillossera, e la gelsibachicoltura,

tipoPagina

Sala del decollo industriale

7 - Il decollo...

Nella seconda metà dell'Ottocento prese avvio una stagione di grandi scoperte e innovazioni tecnologiche, destinate ad accelerare lo sviluppo economico e a rivoluzionare la vita sociale: l'impiego di nuove fonti d'energia, come il petrolio e l'elettricità,

tipoPagina

Sala delle ville di delizia

6 - Ville di Delizia

Molte delle grandi famiglie nobili cittadine, a partire dal Cinquecento, edificarono ville prestigiose che si diffusero nei borghi e nelle campagne a nord di Milano e lungo i navigli.
Riservate agli ozi della villeggiatura

tipoPagina

Sala di Leonardo e Salaino

5 - Leonardo e...

Nel 1482 Leonardo da Vinci lasciò Firenze per Milano, giungendo alla corte di Ludovico il Moro. Qui, come ingegnere e uomo di scienza, studiò la sistemazione del tratto di Adda tra Paderno e Trezzo, allo scopo di renderlo navigabile

tipoPagina

Sala del Feudo

4 - Il feudo di...

Concesso prima a Gasparo de Vimercate, poi dal 1475 alla famiglia Secco Borella, il feudo di Vimercate fu tra i più importanti dello stato di Milano.
In epoca altomedievale, il feudo era il premio dato dal signore ai suoi alleati

tipoPagina

Sala della Pieve

3 - La pieve di...

Il termine pieve designò nel Medioevo una circoscrizione territoriale ecclesiastica facente capo a un edificio di culto dotato di battistero, in cui veniva impartito il sacramento del battesimo agli abitanti della zona.

tipoPagina

Sala del Medioevo

2 - Sulle strade...

Le invasioni barbariche posero fine nel 476 d.C. all'Impero romano d’Occidente, aprendo la strada alle dominazioni straniere, in particolare di Goti e Longobardi (V-VIII sec.), a cui seguirono nel 774 i Franchi

tipoPagina

Sala delle origini

1 - Il mito delle...

La posizione del Vimercatese a metà strada tra Biassono e Trezzo, siti da cui provengono materiali della cultura golasecchiana, potrebbe giustificare una presenza umana presso il Molgora già nel VI-V secolo a.C.

tipoPagina

Condividi contenuti