english informations

Ritratto postumo di Fiorbellina Caimi

La giovane donna, moglie di Giovanni Antonio Secco Borella, è ritratta di profilo e a figura intera, in posa elegante, con la mano destra appoggiata sul ventre, a indicare forse uno stato di gravidanza. La dama si presenta fastosamente abbigliata e agghindata con l’acconciatura e la parure di gioielli secondo i dettami della moda in auge a Milano negli ultimi decenni del Quattrocento.
Per i netti contrasti di luce e ombra e per la decorazione delle vesti, oltre che per l’identità di misure, è possibile ipotizzare che il ritratto sia stato eseguito dallo stesso anonimo artista che realizzò quello del marito.

Ritratto postumo di Fiorbellina Caimi
Pittore lombardo della prima metà del XVII sec.
Olio su tela
MUST, Sala del feudo di Vimercate